Deprecated: Function set_magic_quotes_runtime() is deprecated in /home/robinedi/public_html/blog/textpattern/lib/txplib_db.php on line 14
Poche Chiacchiere: Suspence...

Suspence...

Timor d’intercettazioni.
Perché Silvio Berlusconi
sembra un pavido caimano?
La prendiamo da lontano.

Latin lover fu, e caliente,
da quand’era adolescente.
Pur nel diventare sposo
Silvio fu molto focoso:

passeggiando in doppiopetto
e con l’aria da fighetto
Carla Elvira tampinò,
con lo sguardo l’attirò,

all’attacco come un falco.
Come avvien nel rotocalco,
Carla Elvira disse sì.
Fidanzati in pochi dì,

poco dopo furon sposi.
Quindici anni deliziosi,
ma poi Silvio Berlusconi
una sera andò al Manzoni:

la pièce era interessante
con un cast molto brillante
e la primadonna, Lario,
di talento straordinario.

Berlusconi all’improvviso,
estasiato e rosso in viso,
corse dritto al camerino
e con un profondo inchino

il suo amore dichiarò…
e Veronica abboccò…
Da quei tempi il Cavaliere,
pur per nulla puttaniere,

corre un po’ dietro le gonne,
ha il pallino delle donne,
preferisce le formose,
ben truccate, un po’ vistose.

In elettoral certam
si vantò tombeur de femmes,
ma all’invito “Tieni duro!”,
si mostrò poco sicuro

ed ammise: “Sono astuto,
con la pillola m’aiuto…”
A Lipetsk il nostro figo,
nella fabbrica di frigo

arrapato andando in giro
con l’amico Vladimiro,
si fiondò su un’operaia,
come un cane fa sull’aia

quando punta una cagnetta,
e baciò la poveretta.
Consigliò ai sindacalisti,
come sempre molto tristi

sul lavoro che non c’è:
“Fate tutti come me
e per non buttarvi giù
accendete la tivù,

tardi, dopo mezzanotte.
Sugli schermi ci son frotte
di bellissime ragazze
che prometton cose pazze,

sono bionde, brune, rosse,
tutte con le tette grosse…”
Nella festa ai Telegatti
tutti furon stupefatti

nel vedere l’omarino
con l’occhietto adulterino
ed il solito sorriso
approdare in paradiso:

soubrettine tutte tette,
il nude look delle vallette,
pseudoattrici in décolleté,
ogni bene alla mercé.

Piombò Silvio allegramente
dove il nudo era evidente.
Parlò Yespica: “Con lei,
Cavalier, subito andrei

in un’isola deserta!”
E lui, con occhiata esperta:
“Io dovunque andrei con te!”
Poi, guardando il décolleté

celestial della Carfagna,
disse: “Guarda che cuccagna,
se non fossi già sposato
mi sarei già dichiarato!”

Tutti risero contenti,
una sola mostrò i denti,
la consorte, e s’incazzò.
Ma per lui nulla cambiò.

Anzi, ancor recentemente,
il vecchietto intraprendente
scrisse frasi assai galanti
a due fresche debuttanti

fra le deputate sue,
con bacioni a tutte e due.
Anche s’è un settanta ed over,
resta un grande latin lover.

Ora la domanda è questa:
da nascondere che resta
se mai nulla ci nascose
su fanciulle, amanti, spose?

Cos’han le intercettazioni
che spaventa Berlusconi?
Perché in fretta van fermate
prima d’esser pubblicate

con lo scoop di un quotidiano?
Viene un dubbio: che il caimano
parli a un “lui”, e non a “lei”?
Scoprirem che Silvio è gay?

La maggioranza - Vignetta di Sergio Calderale

Inserito il 04/07/2008 da Carlo Cornaglia | ci sono 6 commenti

A voi la parola

Il colpo di scena finale è da manuale. Complimenti!

scritto da Massimiliano Cantarella · 5 luglio 2008, 13:33 · #

Al Berlusca effeminato
gli troviamo il fidanzato?
Se la donna non l’alletta
ecco pronto Gianni Letta.


Se più rude assai gli piace
ecco invece lo Storace,
ma se vuole un militare
con La Russa può provare.


Se gli garbano più boni
ecco allora c’è Maroni
e se non vuole Casini
vada con Gianfranco Fini.


Se gli piaccion facil prede
c’è nel letto Emilio Fede
che voleva ardentemente
copular col Presidente.


Meglio non immaginare
fino a dove può arrivare,
forse neanche la Moana
fu sì tanto una puttana.


Quando passa Berlusconi
c’è la danza degli ormoni
non c’è uom che non s’inchina:
ecco Bondi a pecorina!


E non tema di far male
sarà solo sesso anale
fatto bene nel privato
non sulla tivù di Stato.

scritto da Bove Sedato · 5 luglio 2008, 15:01 · #

Occhi resi ormai a fessura
Per la pelle che gli tira
Quattro peli sulla testa
Ecco quello che gli resta!


Io son femmina e dichiaro
Che neppure per danaro
Fosse anche quanto possa
Colmar una enorme fossa


Toccar mi farei da quello
Nano, viscido, porcello!
Anzi no! Sarei ben io,
che lo toccherei perdio!


ma con mazza e con bastone
per donargli l’emozione
di sentirsi calpestato
come merda sul selciato.


Chiedo scusa per i motti
Che non sono proprio adatti
Alla bocca di una donna
Ma è la rabbia che mi danna!


Ciao ing.
Anna

scritto da Annamaria Gengaro · 5 luglio 2008, 17:43 · #

Ma vi par che il Cavaliere
sia di quelli che il sedere
usan non per far pupù
ma per metterci il cù-cù!?


Lui che tanto s’è applicato
col gentil elettorato
per diffonder l’opinione
d’esser quale un Merolone?


Lui, che vanta una potenza
che soltanto la decenza
e il calzon di sartoria
tengon buona nella stia?


Da Bolzano a Metaponto
Silvio non teme confronto
né con uomo né con bestia
(fatta salva la modestia.)


Sempre in foja, numquam stanco
dei mandrilli è il capobranco:
tra un Consiglio dei Ministri
e un alterco coi Sinistri


lui fa sesso con pulzelle:
per goder di queste e quelle
ha due … rami (straordinario!)
come il lago detto Lario.


Ecco allora la ragione
perché la registrazione
vuol che venga annichilita:
la sua agenda è già riempita


di femminei appuntamenti,
di galanti abboccamenti,
di rodei con qualche manza,
di sollazzi al sottopanza.


E non vuole Berlusconi
che il sentir sue prestazioni
metta in marcia verso Arcòre
altre femmine in calore.


Dice: “Se troppo si sa
non mi fanno più campa’.
Dopo me, tutte ‘ste lady
trovan bolso anche Siffredi!”.


E l’italico maschietto
prenda esempio dal Silvietto:
fotti sempre, senza posa
gli imbecilli … sono a iosa!

scritto da gregna pola · 6 luglio 2008, 17:15 · #

Cari amici rimatori,
siamo demonizzatori,
cioé una perfida genia.
Se Veltroni è in agonia


e l’opposizion non c‘è,
il diabolico premier
che noi stiam demonizzando
sarà sempre più nefando


e, pertanto, avanti tutta,
se no la vedremo brutta!
Forza, demonizzatori
e il Berlusca farem fuori


sotto un mucchio di risate!
Con gran fantasia rimate,
senza tema né pietà
e lo schifo finirà!

scritto da Carlo Cornaglia · 6 luglio 2008, 22:32 · #

Noi rimiam allegramente
col veleno nella mente,
una parva risatina
è tavolta medicina.


Riversiamo le quartine
come tante frecciatine
sul Berlusca a più non posso:
il bersaglio è proprio grosso!

scritto da Bove Sedato · 7 luglio 2008, 14:32 · #

Aiuto Textile

Per non essere filtrati dal software antispam, evitare di scrivere tutto maiuscolo.
I commenti offensivi o pubblicitari non saranno pubblicati.