Deprecated: Function set_magic_quotes_runtime() is deprecated in /home/robinedi/public_html/blog/textpattern/lib/txplib_db.php on line 14
Poche Chiacchiere: Il travaglio dell'Opposizione

Il travaglio dell'Opposizione

Esordì da presidente
con discorso commovente,
conciliante allocuzione
in bipartisan versione.

Con l’elogio malandrino
di Falcone e Borsellino
lodò la legalità,
alla mafia l’altolà

garantì col suo lavoro,
sprizzò pace da ogni poro.
Ringraziò la Finocchiaro
e Napolitano, un faro

per l’italica nazione.
Con l’orrenda affermazione:
“Son di tutti il presidente!”
spaventò terribilmente

chi ricorda chi è Schifani.
Ovazioni, battimani,
bacio dalla Finocchiaro,
entusiasmo di Cuffaro

che ha capito che per lui
son finiti i tempi bui,
passerella a Porta a porta
e una cosa che conforta:

non appena nominato
presidente del Senato,
umiliò le Istituzioni
con l’ossequio a Berlusconi.

Per fortuna c‘è Travaglio
che ci dà qualche ragguaglio
sul suo splendido passato.
Negli ottanta fu Renato

socio di quel Mandalà
che per mafia prenderà
otto anni di prigione
e il cui figlio fu amicone

di Bernardo Provenzano
che dai guai tenne lontano.
Al Berlusca fornì il lodo
che lo tenne in qualche modo

fuor da tutti i tribunali,
ma con metodi illegali,
poiché dopo che servì
la Consulta lo abolì.

A Cuffaro condannato
l’ineffabile Renato
plaudì con un complimento:
“Campion del rinnovamento

della terra siciliana!”
Una cosa molto strana
fu che mai nessun s’afflisse
per ciò che Travaglio scrisse.

In Italia, ben si sa,
non c‘è chi lo leggerà
tranne che pochi esaltati
da nessun rappresentati.

Ma se parla alla tivù
tutto il mondo viene giù,
è bufera sulla Rai,
tuonan tutti i parolai,

i Cicchitti ed i Follini,
i Gasparri ed i Bocchini,
i La Loggia e i Matteoli,
della Rai i supremi ruoli.

“Da Travaglio un grave agguato,
per di più premeditato!
Con Schifani alla berlina
il dialogo si mina!”

Finché strillano i fascisti
ed i vecchi democristi
non c‘è nulla da stupire,
ma c‘è proprio da impazzire

nel veder la Finocchiaro,
dell’Opposizione un faro,
che si schiera con Schifani,
raccontando agli italiani

che la carica gli dà
l’infantil verginità.
“Santo subito Renato,
presidente del Senato!”

Son gli oppositor provetti
inciucioni maledetti,
del Pd questa è la summa:
far con Silvio l’umma umma.

Nota: questa poesia è stata anche pubblicata sul sito
di MicroMega www.micromega.net

Travaglio - Vignetta di Sergio Calderale

Inserito il 13/05/2008 da Carlo Cornaglia | ci sono 6 commenti

A voi la parola

Buonasera Carlo;
per fortuna che c‘è Travaglio (vedi, ho fatto anch’io la rima). Da come si mettono le cose temo che rischi di non durare a lungo e poi ci resterà solo l’opposizione di Di Pietro troppo solo, troppo debole, troppo “incasellato”. Temo che con questo PD ne dovremo vedere delle belle (belle??)

scritto da medonzo · 13 maggio 2008, 18:07 · #

E’ la fine della democrazia!
Vogliono mettere il bavaglio a tutti quelli che dicono la verità dei fatti, questi fascisti (di destra e di sinistra)
Le rubo il suo “travaglio dell’Opposizione”, spero non Le dispiaccia. Grazie

scritto da Ros@ · 14 maggio 2008, 00:26 · #

E meno male che Schifani sta zitto, è forse l’unico che sta zitto, non infierisce con la sua voce potente, è educato, almeno questo lo onora, parlerà nella sede opportuna.
Ma gli altri:
Gasparri non vorrebbe commenti,ma..sembra uno di quei giochi per bambini che appena li si tocca la pancia o la zampa urla e si muove senza sapere ciò che dice in quanto parla con messaggi registrati.
Berlusconi:anche lui ormai è diviso in due, pubblico e privato, al pubblico si mostra o sorridente felice(quando racconta barzellette o spara le russe) o sorridente incazzato (quando deve rispondere a persone serie: si incazza perchè con la grande rete dei suoi servetti pensa di aver debellato quella categoria di persone).Poi c‘è il privato, quello che tutti abbiamo sentito nelle intercettazioni con Saccà. Quindi di Berlusconi si salva solo il privato e io non so cosa abbia daìetto in merito del caso Scghifani, il pubblico è falso a priori, è un falso premeditato.
Bossi: il germe della pazzia non lo molla più.
Rai: la Rai si dissoccia con le vecchie parole del nuovo presidente; per dire quelle parole chissà quante “veline” sono occorse..
Fazio: poveretto, lui vorrebbe essere un Travaglio, vorrebbe essere Letizzeto o Santoro o de Magistris o tutte le persone che invita, però è Fazio e se ne rende conto, il lavoro (il posto di) prima di tutto.
Sgarbi & folli vari:No comment, il giudizio dev’essere pari all’opera, non una rozza analisi istintiva, Sgarbi Vaffanculo.
Travaglio:a volte sarebbe meglio aspettare nel replicare, per contare meglio i cortiggiani, alcuni ci sono sfuggiti.
Ciao

scritto da francesco maasc · 18 maggio 2008, 10:02 · #

Francesco ti ringrazio e suggerisco qualche altra figurina da aggiungere alla tua galleria degli orrori.
La coppia La Russa-Matteoli che, dopo aver dato del malato a Fini al bar della Caffettiera un paio d’anni fa, sono riusciti a spedirlo alla presidenza della Camera, a fregargli il partito e a diventare ministri.
Scajola che dà del coglione a un morto e a ministro ora è risorto.
Giovanardi, ti spaventi se lo guardi.
De Gregorio, senatore migratorio.
Ma se cominciamo non finiamo più...
Ciao

scritto da Carlo Cornaglia · 19 maggio 2008, 00:03 · #

La telefonata tra Berlusconi e Saccà è splendida, se fossi writer la scriverei sui muri per docere et delectare qualche mio concittadino ignorant-fesso.

scritto da francesco maasc · 19 maggio 2008, 15:03 · #

Il leggiadro Pecorella, senatore di scodella, siede li’ con Berlusconi a correger strafalcioni. Ora accortosi che al Senato un nuovo clima s’e’ insediato,
di sicuro avra’ esclamato:
“Evenu Shalom!
Non dovro’ piu’ far lo slalom!”.

scritto da adelchi b · 21 maggio 2008, 12:11 · #

Aiuto Textile

Per non essere filtrati dal software antispam, evitare di scrivere tutto maiuscolo.
I commenti offensivi o pubblicitari non saranno pubblicati.