Deprecated: Function set_magic_quotes_runtime() is deprecated in /home/robinedi/public_html/blog/textpattern/lib/txplib_db.php on line 14
Poche Chiacchiere: Il Grande Fratello

Il Grande Fratello

Visto che l’intercettato
viene a Napoli indagato
per tentata corruzione,
scatta pronta la reazione.

Bello com‘è bello Apollo,
maglioncino girocollo
con foulard-sciarpa a pois,
grida la sua verità:

“Corruttore proprio no!
Corteggiai per un bel po’
otto o dieci senatori,
potenziali migratori.

Con la mia giovanil lena
otto volte offrii la cena
a quel ch’era il più ritroso,
senza intento criminoso.

Fu maieutico il disegno,
fu socratico il mio impegno.
Ma i pm, armata rossa,
con illiberale mossa

li han filmati, pedinati,
lungamente interrogati,
brutalmente intimiditi
e alla fine son riusciti

a evitare la spallata!
La democrazia è malata:
vive di intercettazioni,
spie, ricatti, vessazioni,

non c‘è più la libertà!
Questi vogliono in realtà
sabotare il nuovo amore
fra me e Walter Salvatore!

Democratica emergenza!”
Ha scordato Sua Emittenza
quanto siano stati bui
gli anni in cui ci guidò lui,

con spioni in quantità:
Nicolò Pollari qua,
là Speciale, il Comandante
detto spigola volante,

ed ancora Tavaroli
che assoldò spioni a stuoli
controllando imprenditori,
giornalisti ed editori,

magistrati e finanzieri,
i politici e i banchieri,
coi fascicoli e le schede
di Pio Pompa nella sede,

con progetti da eversori
contro i biechi oppositori,
con betulle giornaliste
in menzogne cottimiste,

con le Commission d’inchiesta
fatte sol per far la festa,
con Marini e Scaramella,
al brigante Mortadella.

Sentir dir da Sua Lealtà
che non c‘è più libertà
in Italia grazie a Prodi
dai dittatoriali modi,

fa stupir, anche parecchio.
Vien da porgergli uno specchio
e da dir: “Dittatorello,
guarda qui il Grande Fratello!”

Inserito il 18/12/2007 da Carlo Cornaglia | c'è 1 commento

A voi la parola

Lo chiamavano Impunità


C‘è chi crede sia il pallone
che interessa al Pelatone;
no, negare l’evidenza
è lo sport di Sua Emittenza.


L’ha sì tanto propugnato
che alla fin s‘è propagato,
la flagranza ormai s‘è arresa,
qui la chiaman maestà lesa.


Non c‘è guitto in questo Stato
che non neghi il suo passato,
tanto meno nel presente
potrà esser delinquente.


Se non è macchinazione
di politica fazione
di sicuro son le toghe
che si inventano le prove.


Se tu ammazzi la morosa
certamente non è cosa
che tu venga condannato
se le suole hai ben lavato.


Se le studentesse uccidi
della pula te la ridi,
basta dire a chi t’indaga
ch’esser negro qui non paga.


Se poi ammazzi sulle ruote
lì negare non si puote,
ma finisci sul giornale
ed il reddito tuo sale.


Qui la lista è sostanziosa
fino a divenir tediosa,
sospendiam l’elencazione
tanto è chiara la questione.


Il Paese ormai ha sbroccato
nessun crimine è reato
se ogni volta il tuo Governo
s’autoassolve. Va all’inferno!

scritto da Bove Sedato · 18 dicembre 2007, 09:15 · #

Aiuto Textile

Per non essere filtrati dal software antispam, evitare di scrivere tutto maiuscolo.
I commenti offensivi o pubblicitari non saranno pubblicati.