Deprecated: Function set_magic_quotes_runtime() is deprecated in /home/robinedi/public_html/blog/textpattern/lib/txplib_db.php on line 14
Poche Chiacchiere: Il cainano

Il cainano

Newsweek stila la classifica delle persone più influenti.

Come sempre a fine d’anno
i settimanali fanno
le classifiche: chi conta
e chi invece soffre l’onta

di contare men di niente.
Se stai in alto sei un potente,
conti meno se stai in fondo
mentre è un vero finimondo

se non fai parte del mazzo,
poiché, ahimé, non conti un cazzo.
Di Newsweek la graduatoria
ti certifica la gloria

o un enorme patatrac.
Primo posto: c’è Barack,
il neoeletto presidente
dell’americana gente,

al secondo Hu Jintao,
successor del grande Mao.
A seguir c’è Sarkozy,
dei quattrini l’abiccì,

tre governator centrali
distruttor di capitali,
Gordon Brown del Regno Unito,
Merkel, di Germania il mito.

Per la Russia Vladimiro
ch’è seguito da un emiro,
il saudita re Abdullah,
dell’Iran l’Ayatollah

superguida Khamenei,
i due Clinton, lui e lei,
Al Maliki, l’iracheno,
Sonia Gandhi, nientemeno,

i due Gates, moglie e marito
e perfin quell’impunito,
bieco bin Laden Osama.
Ed ancora il Dalai Lama,

Lula, capo brasiliano
e Kim Jong, il coreano.
Molto in basso in graduatoria,
sulla sedia gestatoria,

troviam Papa Benedetto,
mentre manca il piccoletto,
l’uom che false propagande
fan passare per un grande,

il mondiale consigliere
di chi occupa il potere,
il perfetto mediatore,
l’uom che parla a tutte l’ore

coi potenti del pianeta,
l’uomo che dall’A alla Zeta
tutto sa, tutto comprende
e che gli entusiasmi accende

di una folla di coglioni.
Manca Silvio Berlusconi:
in Italia fior del mazzo,
fuor d’Italia men d’un cazzo.
Vignetta di Frator

Inserito il 23/12/2008 da Carlo Cornaglia | ci sono 3 commenti

A voi la parola

Bel elenco di persone
anche se alcune non son bone
ma si dice che sono influenti
e gli altri tutti perdenti.


Tra questi c’è un animale molto strano,
lo chiamano il Cainano
di natura è assai inquieto
anche quando tira un peto.


Ha la pelata asfaltata
e il naso a patata
gli occhi rossi come il foco
gettan fiamme in ogni loco.


Ha le guance così belle,
paion due gonfie sarselle
larga e longa la boccazza
che ci entra una ramazza.


Corre e va senza misura
su per boschi, monti e valle
e si fa un par di palle
come fosse a Roncisvalle.


Il mondo lui deve salvare
e per questo si fa lodare
dagli Alfani e dagli Schifani
e da tanti tulipani.


Spesso fa crudel battaglia
con i giudici togati
che lo vorrebbero condannato
ma lui alla legge si è negato.


Con un sol pugno abbatte
un esercito di blatte,
in Sardegna costruisce casematte
per dar rifugio alle cerbiatte.


Poi c’è il problema dell’opposizione
e lui non vuol passare da coglione
così s’adira con Veltroni
e il suo partito di mangioni.


La questione morale
è una corale di Natale
lui si erge a paladino degli onesti
e combatte i manolesti.


Nonostante queste gesta
gli negano la festa
di diventare influente
e lui per questo se la sente.


Piange il poverino
ma non smette di far casino
anche quando arrestano Bocchino
che non ha il cervello così fino.


E presente la brigata
la magistratura viene esecrata
e la riforma accelerata
con la via già indicata.


Intanto lui prega con amore
di portare sempre nel cuore
a chi gli ha costruito il lodo
pur facendo un’operazione di frodo.


Stame bin Carlin

scritto da Frator · 23 dicembre 2008, 22:59 · #

Caro Carlo.. (per inciso : non funziona il link da Voglioscendere)
Il problema grosso grosso
è che quando tiri un sasso
come onde nello stagno
sembra non fare alcun danno
tu ti spremi il cervello
per spiegare a questo e quello
come sian mal informati
dai giornali “comperati”
ed il vero che succede
non ci metta quasi piede.
Ma la gente beve a canna
dei briganti della penna
le menzogne più palesi
come dei cerebrolesi.
Penso che si sveglieranno
quando ormai ci sarà il danno
impossibil da sanare
ed allor.. cavole amare!
W i pirla!

scritto da Anna Gengaro · 25 dicembre 2008, 18:08 · #

Già sappiamo che quest’anno
camperemo con affanno
per via della recessione
che dimezza la pensione
lo stipendio ed il salario
ed aumenta il gran divario
che è fra il ricco e il poveretto…
Sono stufo, e mi permetto
di pensare che sia l’ora
di aiutare chi lavora,
ed i giovani anzitutto
perché in questo clima brutto
alfin possano accasarsi
sistemarsi e anche sposarsi,
non gravar sui genitori
e aspettar tempi migliori!

scritto da maurizio · 1 gennaio 2009, 23:18 · #

Aiuto Textile

Per non essere filtrati dal software antispam, evitare di scrivere tutto maiuscolo.
I commenti offensivi o pubblicitari non saranno pubblicati.