Deprecated: Function set_magic_quotes_runtime() is deprecated in /home/robinedi/public_html/blog/textpattern/lib/txplib_db.php on line 14
Poche Chiacchiere: Divorzio alla brianzola

Divorzio alla brianzola

Vernissage di un campanile.
Giunge il falso baciapile
in quel di Porto Rotondo
dove trova tutto un mondo


di agghindate madamazze
che si credono ragazze,
pur con tette assai cadenti
e le bocche dove i denti

sono men delle dentiere.
Fra i “Continui, Cavaliere!”
e i “Mantenga le promesse,
e ci salvi dai Ds!”,

ci son pur Franco Carraro,
aspirante campanaro?
e la giovanil Marzotto,
stil cattolico-bigotto.

Della torre avvenirista
Mario Ceroli è l’artista.
C’è, a officiar coi chierichetti,
monsignore Sanguinetti

che vien da Tempio Pausania.
Il premier Silvio, che smania
per sembrar persona pia,
nel clou dell’eucarestia

al prelato s’avvicina
e con voce da beghina
fa sentir la sua opinione:
“Noi vogliam la comunione

pur se siamo divorziati,
i precetti van cambiati!”
La risposta è celestiale:
“Parli col mio principale,

io son poco più d’un prete…
fra potenti vi intendete!”
Un miracolo perfetto,
passa un giorno e Benedetto

spiega al nostro divorziato:
“Sol chi è senza peccato
può accostar l’eucarestia,
ma già il fatto che tu sia

senza l’ostia un po’ infelice
ha efficacia salvatrice!”
E il Berlusca fece festa,
con un bel panama in testa.

Se poi vuol la comunione,
un consiglio qui si impone:
“Si ricordi Don Verzé
che, pensando ai suoi dané,

un dì la comunicò,
quando Craxi sotterrò.
Faccia al Papa un bel ricatto
e gli dica, senza tatto:

“Se la comunion mi vieti,
per le scuole dei tuoi preti
non darò finanziamenti…”
Benedetto dirà: “Senti,

ho pensato che hai ragione.
Potrai far la comunione,
lo dirò al tuo confessore…
Che lodato sia il Signore!”

Inserito il 25/06/2008 da Carlo Cornaglia | ci sono 2 commenti

A voi la parola

La cosa che mi intristisce pur essendo atea è che tutto questo esplicita chiaramente come quello che ormai per pochi è una fede venga svilita ad un mero status simbol. Tra la caduta della morale e quella del sacro non ci resta che la forza della satira per contrastare la perdita di ogni dignità. Ciao ing.
Anna

scritto da Annamaria Gengaro · 28 giugno 2008, 11:32 · #

Berluscon, uomo di mondo,
religioso è nel profondo
(qui non stiamo a sottigliare
quanto tu debba scavare


per scoprir con la trivella
dove l’anima sua bella
abbia posto la sostanza
della celestial pie tanza).


Lui, re del comunicare,
quando in vista è dell’altare
soffre troppo l’astensione
dalla santa comunione.


Lui aduso agli Schifani,
ai Dell’Utri ed agli Urbani,
non può non sentirsi tristo
senza averci dentro Cristo.


Ed allora il papaRazzi
(ci capisca e non s’incazzi)
con la voce un po’ ridicola
gli dirà che la particola


potrà aver, se non domani, quanto prima nelle mani, se dirà tre volte giuro che d’amor lui brucia puro

per Veronica la gnocca
e in segreto non si tocca – e darà soldi a palate
per le pie scuole private.


Noi che a men di miracoli
non baciam tabernacoli
intoniam (Dio perdoni):
“Va’ sull’ostia Berlusconi!”

scritto da gregna pola · 29 giugno 2008, 19:53 · #

Aiuto Textile

Per non essere filtrati dal software antispam, evitare di scrivere tutto maiuscolo.
I commenti offensivi o pubblicitari non saranno pubblicati.