Deprecated: Function set_magic_quotes_runtime() is deprecated in /home/robinedi/public_html/blog/textpattern/lib/txplib_db.php on line 14
Poche Chiacchiere: Ascesa al Cielo (?)

Ascesa al Cielo (?)

Io prometto raramente, ma in tal caso mantengo. Ho detto a Silvia che avrei tradotto Stairway To Heaven nonostante il mio rapporto “burrascoso” con i Led Zeppelin, e così faccio. Prima di fornirvi la traduzione, va detto che questa canzone è forse la loro più famosa, anche di più di Whole Lotta Love, e che è motivo di culto per tutti i fan del gruppo, forse per il connubio fra parte acustica e parte elettrica (io nutro qualche dubbio sul fatto che sia riuscitissimo, ma non voglio fare il guastafeste…:-)

C‘è una dama che è certa che tutto è oro quello che luccica,
e sta comprando una scala per il Paradiso.
Quando vi giungerà, sa che, anche se tutti i negozi sono chiusi,
basterà una sua parola per ottenere ciò che desidera
e sta comprando una scala per il Paradiso.
C‘è un segno sul muro, ma lei vuole essere sicura di ciò che dice,
perché spesso le parole hanno un duplice significato.
In un albero vicino a un ruscello, c‘è un uccello canterino
spesso tutti i nostri pensieri sono malriposti
e questo mi stupisce, mi rende perplesso.
C‘è una sensazione che provo quando guardo verso occidente
il mio spirito grida, vorrebbe partire.
Nella mia mente ho visto anelli di fumo attraverso gli alberi
e voci di gente in piedi, che guarda.
e questo fa sì che io mi interroghi.
Si sussurra che presto, se tutti insieme
chiederemo che venga eseguita una stessa canzone,
il pifferaio ci farà scorgere la ragione
e si aprirà l’alba di un nuovo giorno
per coloro che hanno aspettato, in piedi
e le foreste echeggeranno di risate..
—————-
Se nella tua siepe, tutta bella diritta,
c‘è una zona in disordine
non ti allarmare, è solo la Regina di Maggio
che sta facendo le pulizie di Pasqua.
Sì, ci sono due sentieri possibili, ma alla lunga
si può sempre cambiare la strada su cui ti trovi
e questo fa sì che io mi interroghi.
La tua testa ronza, e non va bene
ma nel caso tu non lo sappia, è il pifferaio che ti chiama
per unirti a lui
Cara signora, tu puoi sentire il vento che soffia
e sapevi che la tua scala si trova adagiata
sul vento che sussurra
e mentre ci addentriamo lungo le curve della strada
con le nostre ombre più lunghe delle nostre anime
lì cammina una signora che tutti noi conosciamo
lei luccica di bianca luce e vuole mostrare
come ogni cosa diventi oro
Se tu ascolti molto attentamente
quella musica alla fine arriverà a te
quando tutti sono uno e l’uno è tutto,
essere una roccia e non rotolare
e lei sta comprando una scala per il Paradiso.

Se devo commentare seguendo il mio istinto, dovrei dire che molte frasi mi sembrano inserite casualmente, forse soltanto perché stavano bene nel ritmo e nelle cadenze della canzone. Però, per essere obiettivi, tale appunto potrebbe agevolmente essere mosso alla maggior parte delle canzoni rock, che difficilmente seguono un filo logico-descrittivo. L’ideale è farsi trasportare dalla suggestione, seguire il flusso delle immagini. A questo punto si rientra di diritto in quella magica situazione che sovente si definisce “poetica”, per la quale alcuni provano brividi sublimi, altri restano indifferenti.
Qui la chiave di lettura è tutta nell’ambientazione apparentemente bucolica, che ben si confà alla melodia di stampo folk britannico. I riferimenti all’uccello canterino, agli alberi e ai ruscelli nella nebbia, al pifferaio magico, per certi versi potrebbero essere presi di sana pianta da ballate della tradizione inglese, o al limite da canzoni di Donovan. Descrive una sorta di pellegrinaggio in un ambiente naturale, forse cuminante in una sorta di raduno dove un misterioso pifferaio chiama a raccolta gente per ascoltare la sua melodia. Due versi mi risultano più interessanti del resto: “anche se tutti i negozi sono chiusi, basterà una sua parola per ottenere ciò che desidera” e soprattutto il finale “essere una roccia e non rotolare” in cui si evoca lo spirito del Rock’n‘roll, proprio al culmine del crescendo elettrico, che va a sostituire la forma di ballad, dalla metà in poi del brano.
Ma la domanda cruciale ancora non l’ho posta, e alcuni di voi probabilmente sanno di cosa parlo.
Questa canzone è – come sembra – un’ascesa al cielo, la signora ammantata di luce è uno spirito benigno, oppure, come si è sempre mormorato, Stairway To Heaven è esattamente l’opposto, una discesa agli Inferi?
L’evocazione del Male attraverso il suo opposto sembra sia una caratteristica del Satanismo (pronunciare i Nomi Benedetti alla rovescia, e così via). Io, grazie a dio, non sono un esperto di occultismo e magia nera, così posso limitarmi a riferire quello che da sempre ho sentito dire: che Jimmy Page e compagni fossero simpatizzanti di Aleister Crowley (l’occultista inglese) e che alcune frasi nella produzione dei Led Zeppelin contengano messaggi nascosti. In parecchi brani degli Zeppelin (si dice) i versi, ascoltati alla rovescia, rivelerebbero invocazioni demoniache. Ad esempio Over the Hill, nella quale determinate frasi, suonate alla rovescia, inneggerebbero al Signore Oscuro cornuto. “Noi non siamo veramente ricchi. Tutto è per Satana. Sì, Satana è veramente il signore. Sì, noi resteremo per sempre in lui”.
Anche della canzone che stiamo commentando, STH, si vocifera che, ascoltando alla rovescia un altro passaggio, si otterrebbe “Ecco il mio dolce Satana, la cui piccola via non mi renderà triste, e il cui potere è Satana. Egli darà il progresso dandoti il sei-sei-sei”.
In quest’ottica paradossale tutta la canzone potrebbe contenere una serie di significati comprensibile solo agli adepti (The words have two meanings-“le parole hanno un duplice significato”).
Non voglio proseguire con questa chiave di lettura, e lascio a chi ama questo tipo di cose il compito di informarsi sui libri o in Rete. Già nella vicenda PID mi sono imbattuto in ipotesi “sataniche” e la cosa non mi piace affatto, ne rifuggo tendenzialmente, vogliate scusarrmi per questo… La presenza del Diavolo nel mondo preferisco non approfondirla (anche se guardare i TG spesso me lo fa pensare): “It makes me wonder… And it makes me wonder”.

Inserito il 20/10/2009 da Glauco Cartocci | ci sono 41 commenti

A voi la parola

Glauco gentilissimo, come stai? ho appena letto, tutto d’un fiato la tua splendida traduzione di “Stairway To Heaven” e te ne sono molto grata.Per quanto riguarda il discorso relativo all’eventuale “satanismo” al quale alcuni gruppi rock avrebbero appartenuto, e alle parole “ascoltate alla rovescia”, mi piacerebbe risponderti riportando le parole di Sir Paul McCartney (mi pare) il quale, molti anni fa, in una intervista (come tu sai bene, e ben prima di me) in cui gli chiedevano come mai i Fab scrivessero testi in cui alcune parole, se “ lette al contrario..etc, etc”, rispose:” Mah..noi vogliamo fare buona musica, solo questo. Non ci aspettiamo certo che i nostri estimatori si mettano a far girare il disco al contrario. Noi cerchiamo di fare buona musica, solo questo. ““Grazie molte ancora , carissimo Glauco e una bellissima serata a tutti.

scritto da Silvia · 20 ottobre 2009, 19:33 · #

Chiedo scusa per l’OT ma ..“avrebbero appartenuto”, come ho scritto nel post precedente, m’appare “diabolicamente” sgrammaticato, XD. Chiedo venia :“sarebbero appartenuti..”* Molte scuse, e splendide cose

------- Nota di Glauco: se vuoi te lo modifico; io ho dei Superpoteri, che a voi comuni mortali sono negati....:-)))

scritto da Silvia · 20 ottobre 2009, 21:07 · #

Nel mondo siamo in tanti. Forse troppi, forse ancora pochi. Silvia,... Non sono e non voglio essere nella posizione di giudicare anche perchè non posso giudicare l’ ingiudicabile e non mi sento nella veste di poterlo fare. Silvia, il miele delle tue parole è dolce attrazione e contiene il nettare degli Dei (del Bene o del Male, sempre Dei sono considerati). Ma, scusa la schiettezza e la crudezza, questo miele mi sembra troppo dolce nelle tue scritture. Almeno nell’ ambito di un blog pubblico. Dico questo in veste di semplice lettore che ha letto commenti a numerosi blog e credo, nella mia presunzione, di saper distinguere l’ umoristico ed intelligente sarcasmo (gradito o meno) di Frank Spada da un diverso commento di diversa natura. Ecco… diciamo che il tuo ha un lato a me dubbio ed in parte ancora oscuro. Dubbio non nell’ ambito della persona alla quale scrivi, ma in qualcosa che va oltre.
Oltre la persona ed oltre l’ empirico.
Un’ interazione tra Mc Cartney ed i Led Zeppelin non è cosa nuova.
Durante le sessioni di Back to the Egg, uno degli ultimi lavori di Paul McCartney con i Wings, John Paul Jones e John Bonham parteciparono alla creazione di una orchestra rock ideata da McCartney, chiamata Rockestra, dove figurano altre glorie del panorama musicale inglese dell’epoca come David Gilmour e Pete Townshend.
Il tour americano dei Led Zeppelin nel 1980 non ebbe luogo in quanto il 25 settembre, poco prima di partire per gli Stati Uniti, Bonham si presentò alle prove completamente ubriaco; continuò a bere per tutta la sera in una festa a casa di Page e fu messo a dormire in una stanza. La mattina dopo fu trovato morto soffocato nel proprio vomito. La stampa parlò di 40 dosi di vodka ingerite.
Il mistero del doppio Beatle è cosa affascinante, intrigante. Credibile o meno essa sia, sempre mistero si ritiene in quanto non esistono prove schiaccianti a confutarla. Nemmeno la verità su William Campbell, un ex poliziotto che assomigliava a Paul e che (secondo la leggenda) acconsentì a sottoporsi ad alcuni interventi di chirurgia plastica per rendere ancora più netta la somiglianza arriverebbe a chiarire il mistero.
Qui arriva il dunque: affascinante per molti, repellente per altri.
Si parla del Bene e del Male (due concetti restrittivi rispetto all’ universalità delle cose).
I Led Zeppelin i quali scrivono frasi che, lette al contrario, inneggerebbero a Satana.
I Beatles che, secondo alcuni, sarebbero stati satanisti.
I Deep Purple che (vedi album “Burn”) sembra siano stati tacciati di Satanismo.
Tutto questo forse perchè allora la Chiesa cristiana giudicava il Rock come musica del Male.
Sembra quasi che ognuno il quale abbia avuto successo nel Rock e nel Metal abbia qualcosa a che fare con Satana.
Finchè la gente comune penserà a Dio come Bene ed a Satana come Male, questa gente penserà di aver capito cosa è Bene e cosa è Male senza sapere effettivamente cos’ è il Bene e cos’ è il Male.
E, soprattutto, senza sapere che l’ Uno non può esistere senza l’ Altro.
Qua sta la strada da scegliere per libero arbitrio. Qua sta la via per essere tutti umani in parte diversi tra loro. Qua sta tutto il significato dell’ esistenza: frutto dell’ equilibrio a sua volta frutto di sottili equilibri.
Silvia… Ti consiglio di ascoltare le sensazioni dei tuoi sensi più interiori mentre ascolti la musica: le emozioni che provi vanno oltre le dicerie sul Bene e sul Male. Dicerie proprie dell’ uomo. Le sensazioni date dall’ anima delle tue emozioni vanno oltre la parole e le impressioni dichiarate dagli uomini. Quelle sensazioni sono tue, solo tue… E nessuno può e deve avere il diritto di confutarle a prescindere da ogni Credo. Tra te e la Musica, qualunque ti piaccia, c’ è un filo diretto: non farlo ingarbugliare da opinioni di altre persone che non capiscono un cazzo di come sei tu, dentro la tua Anima e dentro la tua Sensibilità.
Ciao.

scritto da Roberto Ziviani · 21 ottobre 2009, 03:40 · #

Personalmente sono contento se avete uno scambio diretto, anzi è proprio questo lo scopo di questo spazio. Devo dire che Rob un po’ s‘è ingarbugliato nella sua risposta, io non ho capito se considera Silvia “troppo dolce per essere vera” oppure se le sta consigliando di tener presente anche la “via oscura” per rifiutarla e scegliere consapevolmente la strada luminosa. Attendo maggiori spiegazioni da Rob.
Al quale muovo un piccolo appunto: William (il sostituto) o si chiamerebbe Campbell e sarebbe un attore scozzese o si chiamerebbe Shepherd e sarebbe un poliziotto canadese, o anche, secondo altri, un giornalista inglese. Ma come vedrai dal mio libro le ipotesi di identità del PRESUNTO sosia sono più di una e tutte molto nebulose, quasi leggendarie e fondate sul nulla…

scritto da glauco · 21 ottobre 2009, 09:44 · #

In effetti alla due e mezza di notte ero un pò cotto: più che ingarbugliato, direi uno zombie che scrive.
Riguardo Silvia intendevo che mi ha colpito la sua particolare dolcezza nello scrivere. Il dubbio era se questa dolcezza è insita nel suo carattere ovvero se è dovuta ad una sorta di timidezza (so che non sono fatti miei, ma quando si tratta di capire com’ è caratterialmente una persona divento più curioso di una scimmia).
Mi scuso con lei se ho dato modo di pensare ad una critica offensiva, giacchè non è assolutamente nelle mie intenzioni.
Riguardo al resto, la vicenda dei Beatles è molto intrigante. Intrigante è anche l’ associazione di alcuni tipi di musica al satanismo. Quali verità ci sono dietro?
Riguardo il bene ed il male, intendo che essi sono due concetti i quali trovano in se stessi l’ opposto di se stessi. Il bene per alcuni può essere male per altri. Il male per alcuni può essere bene per altri. Il bene assoluto è Dio ed il male assoluto è Lucifero. Queste due entità sono solo il simbolo di qualcosa di universale. Ma l’ universalità è un concetto astratto ed a sua volta concreto allo stesso tempo. Se pensiamo che in questa nostra dimensione tutto è relativo, allora anche il bene ed il male sono relativi, quindi in contrapposizione all’ universalità delle cose. Peraltro anche l’ universalità non avrebbe ragione di esistere se non ci fosse una dimensione relativa quale la nostra è una delle tante esistenti.
Insomma… La teoria del Caos.
Da qui viene da chiedersi se esiste un Dio ed un Diavolo oppure se Dio ed il Diavolo altro non sono che tutto ciò che ci circonda. In questo caso, essendo diametralmente opposti tra essi quali forze uguali e contrarie, Dio ed il Diavolo collaborerebbero insieme per mantenere quella serie di equilibri che permettono ogni sopravvivenza non eterna.
Giuro che la marjuana non c’ entra: sono io che a volte mi faccio certe seghe mentali, che mi do del matto da solo.
... It makes me wonder…

scritto da Roberto Ziviani · 21 ottobre 2009, 20:17 · #

Per il satanismo in musica ci si può anche chiedere se non sia stato, in molti casi, un abile espediente per vendere di più, favorito anche dalla chiesa cattolica. O no?

--------- Nota di Glauco: lo spero.... ma ricordati che "il più grande inganno del diavolo è far credere che non esiste". Keiser Soze.

scritto da maurizio · 22 ottobre 2009, 12:04 · #

Gentilissimo Roberto, Gentilissimi Tutti, buon pomeriggio. Molte grazie, caro Roberto, per l’attenzione che hai mostrato per il mio post, e grazie anche per i consigli. Sei cortesissimo ad offrirmi le tue scuse, e lo apprezzo moltissimo, ma non hai bisogno di scusarti. Ho letto ciò che hai scritto con molto interesse (su Sir Paul, i L.Z., eventuali connessioni, e le altre cose.) Il tema relativo al “bene” e al “male” è molto affascinante e molto impegnativo. Trovo molto simpatica la tua curiosità sul fatto che io sia o no “timida”. Ti confesso che sono curiosa anch’io; infatti non ho ancora capito se lo sono o no XDXD. Molte grazie, molte cose splendide. Grazie a Glauco, per la Sua ospitalità.

--------- Nota di Glauco: siete voi che rendete vivo questo spazio... infatti io ho la tendenza a frequentarlo e rinnovarlo quando vedo attenzione da parte di voi amici, e a ritrarmi e abbandonarlo per un po' quando vedo che langue lo scambio. Ma credo che sia umano, no?

scritto da Silvia · 22 ottobre 2009, 16:35 · #

Ribattendo a quanto scritto da Maurizio, questa domanda me la pongo spesso anch’ io. La musica Rock anni ’70 dai Deep Purple (v. la canzone “Burn”) ai LZ, ma soprattutto con l’ Heavy Metal, ha da sempre voluto essere trasgressiva. Gli stessi Beatles hanno rivoluzionato trasgressivamente il panorama musicale dell’ epoca: anzi, ne sono stati pionieri. Quale modo migliore per esprimere la “cattiveria” di certi passaggi strumentali e di una certa impronta musicale se non il riferimento al diabolico? Può essere quindi che ogni riferimento a Satana, all’ Inferno, alla diabolicità sia stato e sia tuttora un buon veicolo commerciale (Brian Hugh Warner, in arte Marilyn Manson, ne è oggi l’ aberrante prova vivente). Restano però certi affascinanti dubbi che avvolgono di mistero questo argomento.
Creare un testo con un significato ben preciso e con frasi che scorrono linearmente ed armonicamente le quali, se lette al contrario, rivelano frasi sataniche è presumibilmente impossibile a livello umano. Eppure tutto ciò sembra essere possibile e viene chiamato “Backmasking”.
All’ indirizzo web http://www.ccsg.it/led_zeppelin.htm esiste un interessante sito che parla proprio dei Led Zeppelin in tal senso.
Mi rimane quindi il dubbio che in certi casi la diabolicità venga usata solo a scopo commerciale, mentre in altri essa sia frutto di passione per la magia nera.
... And it makes me wonder…
Ribattendo a Silvia, sono felice che tu abbia capito la buona fede nel mio scrivere ed ora, almeno, so qualcosa in più su di te: sei una persona dotata di un’ intelligenza magnifica.
Ribattendo a Glauco circa la citazione di Keiser Soze, mi verrebbe da improvvisare una citazione opposta, e cioè: “Il più grande inganno di Dio è far credere che esiste”. Non spaventatevi: non voglio urtare la sensibilità di chi crede nella religione cristiana. Spesso però mi chiedo che ne è della bontà divina di fronte alla fame ed alla sete in Africa, alle violenze in genere, eccetera eccetera eccetera. Come già ho scritto, credo che Dio e Satana siano tutto ciò che ci circonda, ergo l’ equilibrio che regola tutte le cose. A quest’ equilibrio dobbiamo dare nomi e sembianze per colmare le nostre carenze conoscitive. Come un bimbo che non conosce il mondo al quale, mediante una favola, infondiamo un significato della vita mediante allegorie vestite di colore e di magico fascino. Le varie chiese di ogni religione hanno usato i dogmi; “E’ così e basta, perchè lo dice il Signore (oppure Allah, o Shiva, o Walhalla…).
Pur rispettando appieno ogni credo religioso, sinceramente non so se definirmi ateo, scettico, agnostico… And it makes me wonder…
Terminando, un sincero grazie a Glauco perchè se è vero che siamo noi a rendere vivo questo spazio, è anche sacrosanto che tutto ciò lo dobbiamo a lui ed alla sua grande capacità di creare i giusti stimoli che rendono questo spazio vivo e stimolante. Quindi, caro Glauco, non sono d’ accordo con te sull’ abbandonarlo per un pò quando vedi che langue lo scambio. Sei tu il Guru di questo spazio ed è a te che dobbiamo la possibilità di confrontarci e di crescere interiormente, allargando le nostre conoscenze ed i nostri interessi. Quindi l’ esistenza di questo spazio dipende da te: mon piantarci per strada, eh?...
:-)

scritto da Roberto Ziviani · 22 ottobre 2009, 20:26 · #

Carissimo RZ, non ho intenzione di lasciare Poche Chiacchiere, e se latito ogni tanto è perché ho dei momenti di scarsa convinzione, ma poi me li faccio passare…
Per la storia di Dio e la sofferenza umana, è un tema molto impegnativo, sul quale si interrogano da secoli i santi uomini (preti, rabbini, imam, filosofi… ho assistito anche alla stessa domanda fatta in una riunione Ba’hai…) Io ho una mia risposta, che però è alquanto agghiacciante e non è certo questa la sede per esporla.
Torno al tema musicale per dire che al “blackmasking” (e anche al sito che tu ci indichi) è dedicata qualche pagina del mio libretto, ICDDB... leggete e vi sarà spiegato!!!! :—-
Anzi, per dirla alla Giacobbo “e tutto quello che deve essere visto sarà mostrato”!!!

scritto da glauco · 23 ottobre 2009, 10:14 · #

Caro Mr. Scroll, sono sceso giù dal cielo aggrappato a un vortice nero, malconcio quanto basta a dover “disertare” il suo blog. Mi dia il tempo di riprendermi, poi… non avrà forse pensato di liberarsi di me, vero?
Cordialità tempestose.
F. Sword

----------- N.DG: potrei dire che ci avevo sperato, ma sarebbe ingeneroso, d'altronde come dicono gli inglesi "Bad weed never dies....":-))))

scritto da frank spada · 23 ottobre 2009, 10:46 · #

Weed inteso come erba “aromatica” e sigarette, eh, seppur con filtro.
Mi faccia sapere se è già in vendita l’edizione aggiornata del suo libro, sapermi ricordato mi obbligherà a rileggerlo!
Grazie Mr. Scroll.
F.Spada

-------- NdG: certo che è già in vendita, e qui sul nostro sito Robin, sotto i LIBRI SAGGI troverà le note della nostra solerte ed efficiente Redazione... purtroppo hanno dimenticato di scrivere "punto saliente di questa 4° edizione è la menzione di Mr.Sword all'inizio, negli aknowledgements", ma rimedieremo nella 5° edizione... dove scriverò a caratteri cubitali, magari in copertina, "si ringrazia quel cazzaro di Mr.Sword"...

scritto da frank spada · 23 ottobre 2009, 12:20 · #

Vedo adesso che Scroll significa ROTOLO (di pergamena, please) da cosa deriva lo strano appellativo, Glauco?
Non ricordavo nemmeno che “sword” significa SPADA...devo assolutamente riprendere il mio corso di inglese…comincerò naturalmente dalla elementare traduzione di “All together now”...

---------- NdiG: Beh, che tu non conosca il termine Scroll è più che legittimo... io però lo uso nel senso architettonico, scrollS (al plurale, non singolare come scrive sempre quel disattento di Mr.Sword) significa Cartocci (nel senso di pergamene intese come volute ornamentali...)> Ma fino a sword = spada ci dovresti arrivare, ahiaiai! Però fai bene, comincia da All together now o meglio ancora da Hello Goodbye... :-)))

scritto da maurizio · 23 ottobre 2009, 13:20 · #

A proposito di satanismo, chissà mai quale fu il recondito motivo che fece considerare il bellissimo “Their satanic majesty request” come un’opera minore dei Rolling…ed ora vado a riascoltarlo…anche se forse ne avevamo già parlato…

------- NdG: di motivi per cui viene considerato un album "minore" ce ne sono, in effetti... 1. I Rolling hanno rinnegato tutta la parentesi "psichedelica" e Beatleistica, quindi loro stessi rinnegarono TSMR 2. Se vogliamo, nell'ambito di quella che in prospettiva è del tutto una parentesi nella produzione dei Rolling, il disco più riuscito è il precedente Between The Buttons, quindi TSMR viene trascurato anche da chi come me ama solo QUESTI rolling e non quelli successivi... Il disco è eterogeneo, ha dei punti buoni (The Lantern, She's a rainbow, Light Years from Home) ma anche ddelle vere schifezze... Qui comunque trovate un link a un mio articolo On Line in cui parlo proprio di questo. http://www.fumettidicarta.it/MusicalBox/rolling_psichedelici/g_cartocci.htm

scritto da maurizio · 23 ottobre 2009, 23:36 · #

Gentile sig. Glauco Cartocci, avverto un leggero calo nel timbro dei suoi accordi, forse le mie orecchie sono ancora sofferenti per l’improvvisa depressione dopo il volo; sia gentile, ri-accordi lo strumento.
Quanto a una pergamena in rotolo, la credevo più corrispondente a uno scrittore che indaga con sapienza “antica”, che a un qualsiasi (?) topo di biblioteca che non bada alle volute, ma alla sostanza di quel che rosicchia.
Non allenterò comunque il legame di simpatia, ma eviterò senz’altro di stringerglielo al collo!
Con immutata stima.
Frank Spada

----------- NdGlauco: Caro Mr Sword, non ha capito che io per "cartocci" e "pergamene" = Scrolls intendo le volute architettoniche, che con le pergamene scritte su papiro o con i cartocci con olive e fusaje hanno in comune soltanto il nome...

scritto da frank spada · 24 ottobre 2009, 09:23 · #

Egregio sig. Spada, se Lei è quel fantastico artista che ho testè visitato nel proprio sito web, mi levo tanto di cappello di fronte alla Sua arte visiva che mi ha impressionato ed ho ammirato.

----- Nota di Glauco: il link mi è sfuggito. Se lo inserite, andremo senza dubbio a vedere!

scritto da Roberto Ziviani · 24 ottobre 2009, 14:31 · #

Dunque, Mr. Scroll, si dà il caso che frequenti il “fare” architetture da oltre 40 anni, e di “volute” ne abbia viste, e a mio modo anche progettate, ma non è questo il punto.
Vero è che non m’intendo di “olive e fusaje”, che le mie parole volevano soltanto testimoniare apprezzamento per il suo libro (comprese le ricerche appassionate), mi rendo conto che quando scrivo qualche commento, che la costringe ad allieviare il mal di testa assumendo Optalidon o altri inganni, lei mi capisce meglio.
Va da sè che mi si “impone” di tralasciare la “normalità” e riprendere il mio stile (le sarò grato se mi indicherà su quale dei suoi blog potrò farlo senza suscitare le sue più che comprensibili reazioni).
Ringrazio il sig. Roberto Ziviani per la generosità delle sue affermazioni. E per la curiosità di chi frequenta il Blog di Robin, anche solo per dissertare sulla musica in genere, e su quella dei Baronetti in particolare, mi permetto (una tantum) di segnalarvi il sito di uno pseudonimo scrittore (?) www.frankspada.eu
Grazie a tutti, in attesa di riprendere a pazzià!
Una stretta di mano a Mr. Scroll(senzaS) da quel “cazzaro” di Frank Spada

------- Nota di Glauco: Mr Sword, Lei può cazzarare dove e quando vuole, a 360°, noi la apprezziamo proprio per questo, ed essendo io il Re dell'Off Topic e della cazzarità non sarò certamente io a riprenderLa. Anzi, la possibilità di "sfotterci" un po' a vicenda (amichevolmente e spiritosamente, è ovvio!!!!) aggiunge sale a questto spazio. Altrimenti ci sarebbero solo dei buonissimi come Silvia o Maurizio, ci vogliono anche due vecchie pellacce come noi!!!! Appena posso guarderò il suo link, con attenzione e curiosità, ma ho una settimana di fuoco... a presto e mi raccomando, continui ad essere se stesso, La voglio così!

scritto da frank spada · 25 ottobre 2009, 11:37 · #

Egr. sig. Spada, se Lei mi ringrazia debbo ritenere che il sito da me visitato sia il Suo. Quindi Le rinnovo la mia ammirazione. Tengo a precisare che non ho travato il link da Robin od altri siti, ma da una mia ricerca sul nome. Pertanto, senza la Sua autorizzazione, non mi sento di postare un link: esorto Lei a farlo in quanto credo che le opere espresse attraverso quel sito siano davvero di notevole interesse critico.

scritto da Roberto Ziviani · 26 ottobre 2009, 20:28 · #

I nomi, a volte… Interpretazioni errate, parentele, la globosfera immensa, l’immodestia in buona fede… che dirLe, sig. Ziviani, mi tengo i Suoi apprezzamenti o… ma la scrittura offre immagini? Non sempre.

--------- NOTA DI GLAUCO: VOGLIAMO IL LINK!!!!!!!!!!!!!

scritto da frank spada · 27 ottobre 2009, 13:46 · #

Il brontolio di un tuono e la SUA voce dall’infinito spazio vuoto: “Umani, umani… che state sempre a chiedere, guardatevi allo specchio, il viso che luce e aria e acqua hanno modellato e che non c’era prima e che scomparirà dopo!”
Cristo santo, calma ragazzi, con Lui si rischia grosso!

-------- NOTA DI GLAUCO: Ma Mr Sword la storia della "modica quantità" ce l'avrà presente????

scritto da frank spada · 27 ottobre 2009, 17:56 · #

Mr. Scroll, guardi che il titolo a questo blog l’ha dato lei, eh!
Mi ha fatto sapere che quel ?... bé, per questa volta sono riuscito a calmarlo. Ma la px faccia più attenzione, perché ultimamente nutre molti dubbi su ciò che ha creato e non mi avvertirà prima (nonostante i ns buoni rapporti, seppur da zenit opposti).

scritto da frank spada · 27 ottobre 2009, 18:54 · #

Glauco Carissimo, Gentilissimi, permettetemi un poco di “outing” XD. Glauco, d’altra parte, mi ha posto tra i “buonissimi” (leggendo tra le righe di un suo post) e, dunque, se m’ “allargo” mi perdonerete senz’altro, XD. Oggi, alle ore 15:18, ho ricevuto un attesissimo SMS, il cui contenuto Vi trascrivo di seguito XD: “Gentile Silvia:Il caso del doppio Beatle (quarta edizione) è arrivato in libreria.” Cosa posso aggiungere? Qualsiasi mio commento sarebbe “pleonastico” XD. Sono molto, molto contenta; domani volo a prenderlo e inizierò a sfogliarlo avidamente mentre torno a casa. A Glauco un abbraccio e mille ringraziamenti; a Tutti il Meglio di ogni cosa.

------- Nota di Glauco: Quale bizzarro guizzo del Destino avrà spinto questa gentile fanciulla a chiamarsi Sexy (passi) (ma) SADIE???? Pensate a come sarebbe, addirittura extra-dolce, se si fosse chiamata, per dire, Buonafatina o Nuvolazzurra!!! Propongo, sul suo esempio, di cambiare "all'inverso" i soprannomi ai vari personaggi storici, chiamando, che so, Rommel "Il micio del deserto"; oppure Jack The Ripper "Jack l'adulatore..." :-))) Grazie Silvia (noi si scherza, guai se fossimo troppo seri, guai!)

scritto da Sexy Sadie · 28 ottobre 2009, 20:37 · #

Gentilissimi, Delizioso Glauco, buon pomeriggio, e ancora grazie. Ho appena letto la prefazione a “Il caso del doppio Beatle” scritta dal Signor M.Polidoro . Io non so come si scriva una prefazione, e mi scuso per la mia incompetenza.Quel che ha scritto il Signor Polidoro contiene senz’altro due o tre “giudizi di valore”, o più semplicemente “personalissimi pareri” che, secondo me, in tutta modestia, non sono molto interessanti, proprio in quanto molto personali,ovvero frutto, presumo, delle sue ricerche e relative “sue” deduzioni. 1)rif. al Codice Da Vinci “Certo, che poi le conclusioni del C.d.V. non stiano in piedi nella realtà, tanto da un punto di vista SCIENTIFICO che STORICO è un altro paio di maniche“2)“Nemmeno quelle sulla morte di (Sir) Paul-direi io – STANNO IN PIEDI, SE NON ALTRO PERCHE’, come dicevamo un genio che porta il nome di P.McCartney gira ancora..etc“3)“Ma tutto ciò non ha nessuna importanza per chi si vuole SEMPLICEMENTE DIVERTIRE”(??). Chiedo scusa, ma a me “il taglio” scelto dal Signor Polidoro per la Sua prefazione sembra riduttivo;io, ad esempio, modestamente, leggo i libri del Gentilissimo Glauco Cartocci perchè imparo, studio, mi stimolano ad ampliare le ricerche (entro le mie possibilità), sogno, mi emoziono e, nel farlo, certamente, mi diverto moltissimo. Omaggi al Signor Polidoro e le scuse per la mia incompetenza. Abbracci a Glauco e i miei Rispetti a Tutti. (“One Sunny Day the World Was Waiting for a Lover” Sexy Sadie, White 2; J.W.Lennon)

scritto da Sexy Sadie · 29 ottobre 2009, 18:36 · #

Carissima, devi tenere presente che quando si chiede una prefazione a un nome “noto” (e Polidoro senza dubbio lo è) si mette in conto che la sua ottica possa divergere da quella stessa dell’autore. Io ad esempio ho un libro Anni ’60 sugli UFO, di JE McDonald, il quale crede agli UFO e contesta con dovizia di particolari le affermazioni ufficiali (esempio il project Blue Book). La prefazione la scrisse nientemeno che la scetticona, Margherita Hack!!! La quale scrisse più o meno “Io a hodesti Ufi ‘un ci credo punto, ma huesto libro gli è fatto davvero bene, maremma maiala!” (non ha scrritto proprio così, ma il succo era quello…)
E così ha fattto Massimo, che ha letto ICDDB nella sua ottica. Inoltre non ha chiesto una lira (l’ha fatto in amicizia e in tempi brevissimi)... non posso quindi che ringraziarlo per la sua gentilezza. Poi, tu e chiunque altro siete liberissimi (anzi fate benissimo) ad effettuare una vostra personale letttura delle mie ricerche, senza essere condizionati dalla prefazione… Per questo c‘è anche un’introduzione dell’autore… grazie di tutto e non parlare di “incompetenza”, non esiste proprio! (magari la prossima volta scriviamo all’interno del Topic sul Caso del Doppio Beatle, sennò la Redazione ci bacchetta!)

scritto da glauco · 29 ottobre 2009, 19:01 · #

Gentilissimo Glauco, grazie per il riferimento al Topic opportuno. Ammetto la mia “incompetenza” anche in questo caso e mi scuso sinceramente con la Redazione. Sono lietissima che Tu e il Signor Polidoro siate amici. E’ sempre una bella cosa, l’amicizia. Tuttavia ribadisco sommessamente ciò che ho scritto , omaggio sinceramente il nome “noto”, e passo direttamente alla lettura della premessa, e m’avvento sul primo capitolo.Molte splendide cose a tutti, e a Glauco il Meglio di Ogni Cosa ( e se passasse di qui l’adorabile Signora Hack, tutti i miei Rispetti)

------ Nota di Glauco: fai bene a ribadire, e fai bene anche a non farti condizionare dalle prefazioni (in questo come in ogni altro caso): ci sono stati alcuni letttori che hanno lettto tutto il libro e mi hanno detto che hanno una visione tutta loro di PID, anche diversa dalla mi... quindi è questo il bello, stimolare la discussione! (NB: Se passa la zia Margherita, le dirò che aspetto con ansia il giorno in cui sarà ufficiale che esistono gli ET, non fosse altro per vedere la sua faccia...)

scritto da Sexy Sadie · 29 ottobre 2009, 21:17 · #

Per contrapposizione al satanismo in musica, vorrei ricordare un disco imperdonabilmente semidimenticato, riascoltandolo dopo tanto tempo ho provato antiche emozioni…“Wind and wuthering” dei Genesis, vero e proprio canto del cigno per quel genere che venne chiamato anche “pop romantico”... un po’ angelico, da contrapporre appunto scherzosamente a quello satanico. Chissà se Glauco condivide…

----- Nota di Glauco: Ovviamente io adoro i Genesis specialmente con Gabriel (anche se ci sono cose buone pure nella produzione successiva): Wind & W è un bel disco, io preferisco Trick of the Tail, ma ho un amico Genesisiano sfegatato che (nonostante sia un Gabrieliano) sostiene che quel disco è il migliore dei Genesis... Che Wind and Wutering sia il canto del cigno del progressive potrebbe anche essere, anche sei i più considerano la fine del prog situata a Dicembre 1974 (Relayer degli Yes, Red dei King Crimson, i Genesis avevano appena pubblicato The Lamb). In base a questa teoria, tutto quello che verrebbe dopo (fino al 1976, esplosione del Punk) sarebbero strascichi. Ma sono punti di vista, non scienza esatta...

scritto da maurizio · 31 ottobre 2009, 11:21 · #

Parere del tutto personalissimo, non avendo ascoltato tutta la discografia dei mitici Genesis (uno dei gruppi che preferisco), Foxtrot è l’ album che preferisco.

----- NDG: e mica sbagli... io oscillo sempre fra quello e Selling england....

scritto da Roberto Ziviani · 2 novembre 2009, 20:11 · #

Rieccomi, sono il funambolico spaziale e oscillo sulle teste senza rete, fate attenzione: – Ohh! – l’attesa ondeggia in volo, il creato resta senza logos!

scritto da frank spada · 4 novembre 2009, 12:20 · #

Mi chiedo, Mr. Spada, se tutto questo è frutto della musica ovvero se il pusher del caso è di ben altra natura… E’ da quando non leggo più Lupo Alberto che non sento più oscillare funambolici spaziali sul mio capo….. :-)

scritto da Roberto Ziviani · 10 novembre 2009, 02:57 · #

Certamente sì è la mia natura, certamente non sono in viaggio per il mondo, né faccio uso di additivi (alimentari a parte, e che ormai avvelenano la mia spesa al supermarket), precisando che mi nutro come posso, poco e male.

scritto da frank spada · 10 novembre 2009, 12:21 · #

Egregio Mr. Spada, Lei non finirà mai di stupirmi (piacevolmente, s’ intende)...

scritto da Roberto Ziviani · 10 novembre 2009, 20:27 · #

Egregio sarà lei, signor Ziviani, che si premura di chiarire tra parentesi!
La px volta… e se le saltassi al collo riempiendola di baci? Sarà meglio che mi ancori a terra mangiando un po’ di più del solito, e che lei si lasci andare (nel senso di volare senza troppe formalità, peraltro gradite).

scritto da frank spada · 12 novembre 2009, 12:29 · #

Tralasciando le formalità, peraltro non consone al mio costume, i baci fraterni sono sempre da me graditi specialmente se profusi da amici da me stimati. Non ecceda col cibo, a meno che questo non sia a base di sana musica… Credo quindi che un piatto di tortellini al brasato innaffiati di barolo, due taglieri di affettati misti nostrani innaffiati da un buon Dolcetto d’ Asti, quattro ossobuchi con cipolle innaffiati da un buon Barbera delle Langhe, tre porzioni di fagioli alla messicana innaffiati da un buon Chianti, un dolce (più di uno fa male) innaffiato da un buon Cartize, un caffè e quattro grappini possono essere appena sufficienti per stare a dieta e non appesantirsi troppo, soprattutto se colesterolo e trigliceridi hanno un tasso molto alto nel sangue.

--------- Nota di Glauco: e ciò dimostra come sia facile, per noi, passare dall'Ascesa al cielo a qualcosa di leggermente più prosastico... :-)

scritto da Roberto Ziviani · 13 novembre 2009, 01:35 · #

Signori, cari amici, amiche lontanissime, ecco che ci siamo: ossa morte che ballano al ritmo di microscopici dentini o polvere soffiata via dalla mano di qualcuno/a che ti ha amato? A suo tempo ho programmato la seconda: botte da orbi, calci negli stinchi, unghie laccate, graffi, bocche tumefatte… una contesa appassionata, un’urna a pezzi, m’involo! L’ascesa in cielo, i cocci a terra!

scritto da frank spada · 13 novembre 2009, 11:12 · #

A me per ascendere al cielo basterebbe un terzo di questa cena, previo inutile tentativo in rianimazione.

scritto da Leila Mascano · 13 novembre 2009, 22:47 · #

Oddio, gli interventi si sovrappongono…già mi basterebbero per mandarmi in rianimazione una porzione di fagioli alla messicana, un ossobuco con cipolle ( a me solo il buco, grazie )e un caffè con la grappa. Se po’ ci mettiamo le botte da orbi non mi resta che gridarvi: Maramaldi!
Quanto a Frank, la classe non è acqua ( ma nemmeno grappino, per fortuna! )e “ l’Ascesa in cielo, i cocci in terra “ va premiato col Nobel, subito!”
Un collega ben più illustre di me si ostina a chiamare l’ascensore in discesa il discensore,carino vero? Non non ho bevuto, stasera sono surreale anch’io, sarà che ho preso l’aspirina dopo pizza e coca ( cola ) e caffé.

scritto da Leila Mascano · 15 novembre 2009, 23:24 · #

Rimugino le ombre: non spedirò qualche centinaio di inviti (risparmiando), e farò recapitare l’urna di cristallo di Bohemia (anteguerra eh!)alla gentilissima signora Leila Mascano, perché la esponga nel suo salotto letterario facendo pagare il biglietto a chi vorrà vederla/accarezzarla (una fiumana sotto casa – servizio d’ordine impeccabile – rendita assicurata per lunghi anni a venire).

scritto da frank spada · 16 novembre 2009, 11:48 · #

La mia ascesa al cielo vedrà un carretto di legno con ruote ormai logorate dal peso degli anni, trainato da un mulo. Sopra, una serie di assi sapientemente inchiodate contenenti qualche chilo di rifiuti umidi: tutto ciò che resta di me, dei miei pensieri, delle mie poesie, delle mie fotografie, delle mie tristezze, delle mie risate. Nessun corteo per mio volere: ho già rubato troppo tempo alla vita della gente. Solo quando, al posto della lugubre musica di rito, suoneranno “Here Comes The Flood” di Peter Gabriel e “Stairway To Heaven” dei Led Zeppelin da lassù si renderanno conto dello sbaglio. Allora decideranno se rispedirmi qui, ad espiare nuovamente sotto altre spoglie in questo Purgatorio chiamato Terra, oppure spedirmi laddove Satanasso gestisce il suo regno di pene eterne. Per il momento attendo… in compagnia di due begli ossibuchi alla milanese, un buon rosso da tavola, un pò di zola, caffè e grappino ringraziando la filosofia orientale che mi insegna a godere del momento.

scritto da Roberto Ziviani · 17 novembre 2009, 20:46 · #

Caro Roberto, e se lei fosse già morto, e se l’avessero già rispedita quaggiù sotto altre spoglie, e se io non fossi che lei stesso, e se… in ogni caso regoli la sua dieta, ché non intendo farmi ingrossare il fegato seguendola nella filosofia di godersela a tutto spiano! D’accordo che ogni momento è buono, ma lei, a tavola, ci passa delle ore, eh! E io vorrei mantenermi in forma come sono: un’acciuga con una camicia addosso, che spera di passeggiare lungo un bagnasciuga anche la px estate, rimpiangendo il mare dove viveva prima di essere quel che sono ora.
Con rinnovata simpatia la libertà di scegliersi la musica che più le piace, ora eh, non dopo.

scritto da frank spada · 18 novembre 2009, 12:23 · #

Uhmmm… L’ ipotesi che io sia già morto una qualche decina di volte mi affascina particolarmente… Scarterei l’ ipotesi che lei sia me stesso: non credo che lassù siano così perfidi da punirla sì duramente. Non fosse per il sospetto che siano tutte ciarlatanerie proverei con l’ ipnosi regressiva. Non vorrei però pensare che nella passata vita io fossi quel vitellino del quale ho assaporato l’ ossobuco: il timore di perdere la mia onnivorità potrebbe compromettere il delicato gioco di equilibri del mio organismo. Ed allora addio colesterolo e trigliceridi alle stelle…

scritto da Roberto Ziviani · 21 novembre 2009, 15:32 · #

Salve Glauco, son rimasto davvero sorpreso dall’aver trovato un post sui mitici Zeppelin nel tuo blog, e da adoratore dei sovrascritti quale sono non ho potuto fare a meno di commentare! Non è affatto esagerato affermare che essi avessero simpatia per l’illustrissimo Sign. Crowley, anzi nello specifico possiamo affermare che James Patrick Page era uno dei suoi più grandi ammiratori, basti pensare che ha aperto a sue spese una libreria sull’occultismo e l’esoterismo in quanto ha dichiarato che da giovane trovare testi di quel genere (e di Crowley particolarmente) non era affatto facile. Per quanto riguarda le backwards delle canzoni… devo ammettere che le assonanze con i versi satanici di cui parlavi ci sono eccome, e mi rifiuto di credere che siano pure coincidenze, vista e considerato anche il “particolare” slang utilizzato da Robert Plant (ad esempio pronunciare “Waind” invece di “Wind”), ma come affermi anche tu nella tua opera prima («Il Caso del Doppio Beatle»): “A volte l’orecchio tende a sentire ciò che vuole sentire”. Detto ciò mi congedo e ti auguro una buona serata (io debbo ancora finire di ripassare le linee di basso per domani, onde evitare di incontrare le ire di tuo figlio!).

------------ Nota di Glauco: Luca sei "er mejo"!!!!!!! ce ne fossero un miliardo, di ragazzi come voi. Tornando agli Zeppelin, ho voluto "accogliere una gentile richiesta" di una fanciulla qui, amante degli Zeppelin. Io sono un po' talebano, ma in fondo alla fine sono un buono, finché si parla di rock va tutto bene. Come diceva il Walrus Kite, un personaggio di un mio libro "L'energia del rock è una sola... si possono seguire diversi ruscelli, ma poi confluiscono nello stesso mare" (inutile dirti che era un pazzo fregato ahhhaha....)

scritto da BassPlayer of Jabberwock · 1 dicembre 2009, 00:10 · #

Ascoltando alcuni brani dei Led Zeppelin mi pare che si vada più verso le sfere celesti che verso gli inferi. Molte leggende circolano a proposito della musica (rock in particolare ) e dei suoi protagonisti, non la passò liscia neppure Paganini col suo Trillo del diavolo. Se invocazioni a Satana ci sono nei brani di cui si è parlato, credo che più di esoteriche curiosità magari aiutate da qualcos’altro non si tratti, la tendenza di una persona “normale”, per così dire, è di relegare questa sfera in un medioevo oscuro. Poi la cronaca, tragica e miserabile, ci smentisce ogni giorno, perché violenza e superstizione sono radicate nel cuore dell’uomo, e perfino quattro ragazzotti ammazzano in nome di Satana ed altri disgraziati profanano tombe e tutto lo squallido repertorio che neppure voglio nominare. La musica, in tutte le sue manifestazioni, mi sembra una cosa così importante e così bella che sinceramente mi ripugna pensare a certe contaminazioni, ma purtroppo nulla che provenga dall’uomo è ad esso estraneo, e considerando di cosa questo è capace, dovrebbe essere Satana, benché eventualmente evocato, a darsela a gambe.

scritto da Leila Mascano · 22 maggio 2010, 08:15 · #

Aiuto Textile

Per non essere filtrati dal software antispam, evitare di scrivere tutto maiuscolo.
I commenti offensivi o pubblicitari non saranno pubblicati.